EurToday

Autostrada Roma Latina: infiamma la polemica tra PD e M5S

Botta e risposta tra PD e M5S. Comincia l'ex parlamentare Pedica, che accusa i Cinque Stelle di aver fatto triplicare i costi dell'autostrada. Rispondono i Penstastellati, ricordando le proposte alternative per garantire la sicurezza della Pontina

Una guerra a distanza, senza esclusione di colpi. Da una parte l'ex Senatore IDV Stefano Pedica, ormai passato nelle file del Partito Democratico. Dall'altra il gruppo Consigliare in Regione Lazio del Movimento 5 Stelle. Il tema della contesa, ancora una volta, l'autostrada a pagamento che prenderà il posto, con le dovute proporzioni, dell'attuale via Pontina.

IL TEMA DELLA SICUREZZA STRADALE - Per l'ex parlamentare, l'autostrada è  “un'opera strategica per la viabilità pontina”. Secondo il Democratico infatti “La pericolosità di quella  strada, la capisce solo chi la percorre e solo qualche demagogo non capisce il perché si deve accelerare la nuova opera per vari motivi”. La risposta del M5S non si è fatta attendere. Pedica ignora che sia io che la mia collega Pernarella – ha scritto la Consigliera regionale Valentina Corrado –  percorriamo quotidianamente la Pontina e conosciamo i problemi e i rischi che incombono sui pendolari”.

L'ACCUSA DI DEMAGOGIA - Nel ribadire le ragioni della presunta utilità dell'opera,  “in termini di sicurezza per migliaia di pendolari”, il dirigente Democratico ha ricordato che contribuirebbe anche a “ridare fiato all'occupazione ed una ripartenza alle imprese ferme da tempo”  il dirigente Democratico si spinge oltre. Il comunicato dell'ex Sentatore si chiude poi con un'accusa precisa. “Anche i grillini ci si mettono a voler rallentare l'opera. A questi va detto di rassegnarsi  - conclude la nota - perché i tanti ritardi organizzati da ambientalisti o demagoghi, di fatto, hanno solo fatto triplicare i costi dell'opera”.

LA RISPOSTA DEL M5S - Alla velata accusa di demogogia, é corrisposto da parte grillina un affondo durissimo. “Lo stesso Pedica nel 2012, forse in un tentativo di cavalcare elettoralmente i comitati che si stavano formando contro la Roma-Latina, aveva inviato un’interrogazione al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti -ha ricordato la Consigliera Corrado - sollevando obiezioni non molto distanti da quelle che da mesi portiamo nelle diverse sedi istituzionali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE ALTERNATIVE PROPOSTE - Le obiezioni del M5S, sono in gran parte quelle espresse dai citati comitati. Da anni ormai, i loro portavoce ripetono che è possibile mettere in sicurezza la Pontina, senza per questo ricorrere alla realizzazione di un'autostrada a pedaggio. Anche perchè, quest'ultima opzione, rischierebbe di gravare pesantemente  sia sull'ambiente che sulle tasche dei pendolari. L'alternativa, tante volte proposta, è quella di una metropolitana leggera. Un argomento di cui si tornerà a parlare insieme al noto urbanista Luigi Tamburrino, in occasione dell'assemblea cittadina che si svolgerà al teatro della Dodicesima mercoledì 4 marzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus, 1901 casi positivi nel Lazio. A Roma trend dei contagiati in calo

Torna su
RomaToday è in caricamento