EurToday

"Discarica barile": sotto l'occhio della telecamere c'è da due anni una distesa di rifiuti

In via della Falcognana, all'altezza della rotatoria con via Ardeatina, sono posizionate delle telecamere. Una punta in direzione di una discarica che ha compiuto già due anni

Ci sono elettrodomestici, giocattoli, seggiolini delle auto. Addirituttura una sacca per le mazze da golf. Non manca nulla nella discarica formatasi in via della Falcognana. In pieno Agro Romano, a poca distanza dal confine con Marino, c'è un'infinita distesa di rifiuti.

La discarica continua a crescere

"Conosco quella discarica perchè ormai ha compiuto due anni di vita – ricorda Massimiliano De Juliis, vicepresidente del Consiglio nel Municipio IX – purtroppo sono state fatte molte segnalazioni, sia dai cittadini che dagli stessi consiglieri. Non hanno sortito nessun effetto ed anzi abbiamo visto che, quel degrado, non fa che aumentare".

La discarica barile

Qualcuno ha posizionato anche uno striscione. C'è scritto "Discarica barile". Un gioco di parole per ironizzare sulla mancata assunzione di responsabilità, da parte delle istituzioni che dovrebbero contrastare il fenomeno. Quella strada è di competenza di Città Metropolitana – spiega De Juliis (FdI) – ciò detto credo che, per risolvere il problema, l'istituzione municipale, insieme all'ex Provincia, avrebbero potuto metteresi intorno al tavolo per studiare una bonifica. E' evidente invece che non sia stato fatto nulla".

La telecamere spenta

Il paradosso è che, difronte a quella distesa di rifiuti, è posizionato anche un occhio elettronico. Non è tra quelli che, in maniera del tutto inefficace, erano stati installati da Roma Capitale per scoprire e sanzionare gli zozzoni. Si tratta infatti di una delle due telecamere che, nel 2017, la Città Metropolitana sistemò nella rotatoria tra Falcognana e via Ardeatina, nel tentativo di contrastare il passaggio dei mezzi pesanti. "Quella telecamera non è mai stata attivata. Ed è un peccato perchè – riflette De Juliis – avrebbe potuto contribuire a fermare quello scempio sul nascere".

La mappature e le priorità

D'altra parte, la guerra agli "zozzoni", è complicata da combattere. Sia in via della Falcognana che in via Ardeatina, direzione fuori Roma, le discariche abusive non sono mai mancate. "Serve una regia, bisogna innanzitutto mapparle – suggerrisce il consigliere di Fratelli d'Italia – per questo abbiamo chiesto un'apposita commissione. Una volta individuate le discariche, in base al relativo impatto ambientale, si potranno stilare delle priorità. Certamente paghiamo il fatto che, finora, questo tipo di lavoro non sia stato ancora fatto". La "discarica barile" però è nota da tempo. Non serve mapparla per sapere dove si trova. Il problema, evidentemente, è stato centrato dai residenti. Ed è perfettamente sintetizzato nello slogan scritto sullo striscione.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

  • Concorso Mibac, bando per 1052 assunzioni in tutta Italia. Tutte le informazioni

Torna su
RomaToday è in caricamento