EurToday

Fonte Laurentina: contro le discariche abusive arrivano gli spaventapasseri dell'agro romano

I bambini di Fonte Laurentina hanno realizzato degli spaventapasseri nelle zone intorno al quartiere. Lì, con sversamenti abusivi, sono stati avvelenati numerosi siti. Romano (Ass. Casali della Memoria): "Le bonifiche vanno a rilento"

Non vogliono più sentir parlare di "Terra dei fuochi". Ma gli incendi che, la scorsa estate, hanno imperversato tra via Castel di Leva e via Laurentina, hanno destato molta preoccupazione. A prendere fuoco sono stati infatti dei campi in cui, negli anni, sono illecitamente stati sversati dei rifiuti. Ed alcuni si trovano anche vicino al centro abitato di Fonte Laurentina.

Gli spaventapasseri dell'Agro romano

Ora a presidiare quei terreni, un tempo utilizzati dai pastori e dagli agricoltori dell'agro romano, sono arrivati degli spaventapasseri. Sabato 16 novembre infatti, un gruppo di residenti, ha sistemato una decina di fantocci nelle aree più colpite dagli sversamenti. "Sono stati realizzati dai  bambini – hanno spiegato gli attivisti del Coordinamento Bonifichiamo l'agro romano meridionale – e riportano le loro frasi, sincere quanto spiazzanti".

La richiesta d'aiuto

"La dovete smettere", "se lo rifate io mi arrabbio" si legge sui cartelli sistemati sul collo degli spaventapasseri. Sono inviti a non continuare nell'opera di devastazione della campagna che lambisce la Capitale. Ma "sono un monito anche verso le istituzioni  - avvertono dal Coordinamento -  affichè ripuliscano al più presto il nostro territorio e lo salvaguardino in modo più efficace".

Il dossier sulle discariche abusive

Sono tante però le aree da bonificare, nei terreni che circondano l'abitato di Fonte Laurentina. Il Coordinamento  ha realizzato un dossier in cui sono stati mappati tutti i siti trasformati in discariche abusive. Sono diciassette in tutto e per ciascuno di questi i residenti ha indicato quando sono iniziati gli sversamenti illegali, il tipo di rifiuti che vi sono stati gettati e la relativa geolocalizzazione. Il corposo dossier, il 15 ottobre, è stato presentato anche in un'apposita commissione Ambiente della Regione Lazio.

Le bonifiche a rilento

Le attese bonifiche però tardano ad arrivare. "Per ora sono stati ripuliti solo quattro siti – ha fatto sapere Maurizio Romano, presidente dell'associazione I Casali della Memoria – ma si tratta solo delle aree private.  Su quelle del Comune e sui siti più pericolosi, perchè vicini alle scuole, ancora non si è visto niente". I residenti però, da adesso, non saranno più soli. Contro l'azione criminale di chi abbandona rifiuti nella campagna romana, da sabato 17 novembre, ci sono anche gli spaventapasseri dell'agro meridionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciopero a Roma: oggi a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Scuole chiuse a Roma per maltempo: la decisione del Campidoglio

  • Non rientra a casa e i genitori denunciano la sua scomparsa: trovato morto dopo incidente stradale

  • Five Guys, il colosso americano di burger and fries inaugura a Roma

  • Sciopero a Roma: domani a rischio tram, metro e bus. Gli orari

  • Incidente sul Raccordo Anulare: scontro auto-moto, morto centauro

Torna su
RomaToday è in caricamento