EurToday

Registro Unioni Civili: anche il Municipio IX dice “sì”

Il Consiglio Municipale ha approvato all'unanimità l'instituzione del registro per le Unioni Civili. Per molti, rappresenta uno sprone affinchè anche l'Assemblea Capitolina, ratifichi un eguale provvedimento

Foto di repertorio

Anche nel Municipio IX è stato istituito il registro delle Unioni Civili. In mattinata, e nel giro di pochi minuti, l’aula Consiliare ha rotto gli indugi decretandone lla nascita. L' obiettivo è stato condiviso da tutti i presenti, senza distinzione di sorta. L'istituzione del registro allinea il territorio amministrato da Santoro, all'esperienza di altre amministrazioni locali. E, potenzialmente, offre una sponda  interessante anche ai Consiglieri dell'Aula Giulio Cesare.

LO SPRONE PER ROMA CAPITALE - Soddisfazione per la votazione, è stata espressa da più parti. Per il Presidente del Consiglio municipale, l’iniziativa rappresenta  “un utile sprone per l'Assemblea capitolina, che dovrà istituzionalizzare il registro cittadino in attesa che il Governo nazionale recuperi il gap e legiferi sul tema”. Sulla stessa linea si attesa il Vicepresidente del Municipio IX Alessio Stazi (SEL) che, nel “restare in attesa dell’approvazione in Campidoglio” di un analogo strumento, dichiara di sostenere questo percorso perché riconosce “ un concetto più grande di ‪famiglia‬, capace di tenere in se le famiglie di fatto, rapporti fondati sull'amore, sull'assistenza reciproca, morale e materiale”.

I DIRITTI DELLA COPPIA - La Consigliera Paola Vaccari, promotrice del documento, è sembrata chiaramente contenta del risultato ottenuto. “Con l’istituzione del registro delle unioni civili, nel Municipio IX si potrà andare oltre i diritti del singolo cittadino, riconoscendo nella coppia, specialmente in quella che attualmente non avrebbe alcuna possibilità di esprimere – sottolinea - il proprio status, quel seme che, al pari delle altre forme legittimate di unioni, rafforza il valore di essere e sentirsi comunità”.

CHI POTRA' ISCRIVERSI - “Possono chiedere l’iscrizione nel Registro delle Unioni Civili  - fa infine sapere il Presidente Santoro - i soggetti italiani e stranieri, maggiorenni, di sesso diverso o dello stesso sesso, coabitanti anagraficamente nel IX Municipio. L’ istituzione del registro – conclude il Minisindaco - è un atto di civiltà e un dovere per le Istituzioni che devono in ogni modo contrastare razzismo e omofobia, favorendo al contempo il rispetto per le libertà di tutti”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento