EurToday

Castel di Leva, in assenza di aree giochi i residenti danno vita al Parco della Castelluccia

Nel quadrante Ardeatino esistono aree verdi che non sono state ancora messe a disposizioni dei cittadini. Calzetta: "A Castel di Leva i residenti si sono organizzati da soli, rivelandosi più efficaci dell'amministrazione"

Nei quartieri più periferici del IX Municipio esistono aree giochi che non sono mai state prese in consegna dal Comune. Accade così, sempre più di frequente, che siano i cittadini a rimboccarsi le maniche. In zona Torretta Gutenberg c’è ad esempio un gruppo di residenti che , oltre ad effettuare la manutenzione di un giardino pubblico, da almeno due anni lo sta arricchendo di panchine e fioriere. 

IL PARCO DELLA CASTELLUCCIA - A Castel di Leva, e precisamente in via della Castelluccia di San Paolo, si è da poco verificata un’altra iniziativa degna di attenzione.  Qui “i cittadini hanno realizzato un piccolo spazio allestito a parco giochi a beneficio dei bambini e delle famiglie del quartiere – fa sapere l’ex Minisindaco Pasquale Calzetta (Forza Italia) – L’area interessata dall’intervento è stata messa a disposizione da un privato cittadino, mentre alcuni volenterosi insieme alle mamme del quartiere, hanno lavorato per pulire l’area e renderla fruibile per tutti. Martedì grande festa di carnevale con pranzo al sacco e animazione per i  bambini del quartiere”.

IL FUTURO DELL'AREA VERDE - Come fa notare Paolo Centrullo, uno degli animatori dell’iniziativa “Nella zona si aspettava un segnale di questo tipo da tempo, perché la periferia non può essere solo la realizzazione di quartieri dormitorio ma deve prevedere anche luoghi semplici dove le persone si possono incontrare. Il tutto è stato realizzato autotassandoci e stiamo già lavorando per realizzare  un campo di bocce a fianco del parco giochi”.

LE ALTRE AREE VERDI - “Quello dei cittadini di Via della Castelluccia di San Paolo è stato un bel segnale di una comunità intera che non si lamenta sempre ma agisce nell’interesse di tutti – fa notare Calzetta, oggi presidente dell’Associazione lo Sportello del Cittadino -  A poca distanza da qui, in località Molino-Santa Felicola in Via Don Umberto Terenzi, esiste un parco giochi pubblico già realizzato in convenzione che ancora non è stato preso in carico dal Comune di Roma e dal Municipio IX. Stessa situazione in altri spazi verdi pubblici di Via Ghiliani dove da anni ci sono aree che potrebbero essere fruibili dai cittadini ma la burocrazia sta bloccando le procedure di acquisizione - sottolinea Calzetta -  ma se icittadini che si organizzano sono molto più efficaci delle amministrazioni pubbliche, allora tutto il resto a cosa serve?”.

 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Rischia di soffocare in un'osteria a Peschici: salvato da un turista romano

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento