EurToday

Aree giochi Municipio IX: ecco le iniziative per arginare degrado ed abbandono

Lo stato in cui versano molte aree ludiche del territorio municipale è di evidente degrado. Per Forza Italia "l'incuria del M5s regna sovrana". Replica l'assessore Antonini spiegando tutte le iniziative in corso

La gestione delle aree ludiche nel Municipio IX è un tema che da anni alimenta lo scontro politico. E' un terreno di sperimentazione per l'amministrazione, di critica per l'opposizione, di denuncia per i cittadini. Nonostante le divergenze di posizione, ciascuno di loro mira verso un comune obiettivo: garantire spazi adeguati alle esigenze dei bambini.

LA DENUNCIA - Nelle fila dell'opposizione municipale c'è chi prova a fare una ricognizione. Così Piero Cucunato e Pietrangelo Massaro, rispettivamente capogruppo e coordinatore di Forza Italia,  segnalano che “da Mostacciano a  Villaggio Azzurro, dal Torrino a Fonte Meravigliosa, dall’Eur al Laurentino  e Trigoria, scivoli, altalene, e giochi per bambini sono un lontano ricordo”. Secondo i due, “l’incuria dell’amministrazione del M5s del municipio regna sovrana, tra giochi oggetto di atti di vandalismo, l'abbandono dei parchi con erba alta che copre panchine e giochi non più utilizzabili".

IL QUADRO - La situazione è nota all’amministrazione. "Purtroppo di alcune aree giochi non è rimasto più nulla. E’ il caso di quella presente nel Parco Pereira di Tor de’ Cenci, o all’inizio di via Rotellini, all’interno dello stesso quartiere.  In tali circostanze nemmeno si può parlare di ripristino, perché davvero non è sopravvissuto niente  – spiega a Romatoday l’assessore all’Ambiente Marco Antonini – Abbiamo trovato situazioni incredibili, come quella dell’area giochi municipale realizzata, senza certificazioni di sicurezza, in una parrocchia. Comunque ci siamo messi al lavoro".

I FONDI - Dall'opposizione arrivano però delle precise accuse. "Avevo chiesto dei fondi in bilancio – ricorda il consigliere Cucunato –  a seguito di una ricognizione effettuata dal coordinamento municipale di Forza Italia sullo stato dei parchi giochi e delle aree attrezzate. Tali fondi, che erano stati inseriti nella proposta votata dal Municipio, sarebbero dovuti essere spesi prima dell’estate e ad oggi non sappiamo che fine hanno fatto".  Al di là degli stanziamenti cui il capogruppo di Forza Italia fa riferimento, ci sono altre risorse in ballo per le aree ludiche del territorio.

LE NOVITA' - "Il Dipartimento Ambiente ha fatto due bandi. Il primo per la certificazione e la verifica delle aree. Ed un secondo – tiene a precisare l'assessore Antonini – per la loro manutenzione. Ma non è tutto.  Facendo seguito alle richieste della Consulta della disabilità, Romasolidale aveva acquistato tre giochi che non erano mai stati installati. Si tratta di due altalene ed una giostra. L’idea iniziale di installarne una a Casal Brunori, non si è rivelata praticabile perché quell’area non è norma e si dovrà prima provvedere a ripristinarla. Allora abbiamo chiesto ad uno sponsor di montarle nel parco Lima di Fonte Laurentina e in quello dedicato a Corto Maltese del Torrino Mezzocammino. Nel primo caso la stessa azienda provvederà anche ad effettuare la manutenzione dell’area giochi”. E per quella del Villaggio Azzurro, andata in fiamme in via Aldo della Rocca nel 2014? “Occorre un terzo bando, perché lì non è rimasto nulla e purtroppo va ricostruita totalmente".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento