EurToday

Cimitero Laurentino senza prato e irrigatori: tombe abbandonate al degrado

Cinquecento tombe senza prato e irrigatori. "Aspettiamo da oltre un anno l'intervento dell'Ama e come me altre 500 famiglie" raccontano i frequentatori

Cimitero Laurentino: 500 tombe senza prato e irrigatori. Da oltre un anno i visitatori del camposanto della sud di Roma sono in attesa che l’ Ama intervenga nei 400ettari di terra che è rimasta brulla e incolta.

Il cimitero, oltre 27ettari di terreno sulla via Laurentina, è stato consacrato a marzo del 2002. Ma una parte è a oggi senza erba e servizi di manutenzione.

Una desolazione, che si unisce al dolore: “Aspetto da oltre un anno l’intervento dell’Ama e come me altre 500 famiglie” racconta Eleonora Finetti. “Mio marito è sepolto qui, ma sono avvilita per la situazione in cui versa questa parte di cimitero. E’ sufficiente osservare per rendersi conto che siamo stati completamente abbandonati e non sappiamo perché non intervengono. Abbiamo chiesto anche agli uffici interni – spiega la signora Eleonora -  ma anche loro non possono fare nulla. Hanno le mani legate perché la competenza appunto è dell’Ama”.

"Ho scritto un esposto lo scorso giugno all’Ama"dice Ruggero Verdi, un altro visitatore, “a cui non è seguita alcuna risposta. E’ molto triste, vengo qui a trovare mia moglie e saperla in un luogo così desolato è ancora più sconfortante. L’amministrazione del cimitero continua a ripeterci che è questione di tempo e che non è loro competenza. Non trovo comunque giusto che una parte così significativa del cimitero sia in queste condizioni”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta dal viadotto: morto imprenditore del crack Qui!Group

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Da Canova a Frida Kahlo, tutte le mostre da non perdere in autunno a Roma

  • Tenuta Castel di Guido, i lupi romani sono diventati ibridi. Chiesta la sterilizzazione

Torna su
RomaToday è in caricamento