EurToday

Filobus, no alla preferenziale nell'ultimo tratto della Laurentina: monta la protesta

Residenti e commercianti di Giuliano Dalmata tornano a chiedere di rivedere la mobilità. Favorevole il Municipio ma non il Comune. Ecco come cambia la viabilità del quadrante

Corsia preferenziale a tratti

Gli abitanti di Giuliano Dalmata non ci stanno. La decisione del Campidoglio di procedere con la corsia preferenziale lungo tutta via Laurentina, alimenta la protesta. In tre ora più di 800 residenti hanno firmato una petizione per chiedere l'esatto contrario. 

Triplicati i tempi di percorrenza

"L'allestimento della corsia preferenziale del filobus, dopo anni di disagi per via dei lavori, ha generato un abominio di viabilità ingestibile triplicando, nella migliore delle ipotesi, i tempi di percorrenza su quei tratti di strada" viene spiegato nella raccolta firme pubblicata con l'eloquente titolo "Giuliano Dalmata libero dalla trappola". Le mirino finiscono gli ultimi 750 metri dedicati al passaggio dei filobus.

Una preferenziale a macchia di leopardo

I residenti, nella petizione, puntano l'indice verso "tentativo di allestire dei micro tratti di preferenziale a macchia di leopardo nelle quali far transitare i mezzi pubblici". Il tutto senza risolvere un problema: "la preferenziale non è attrezzata con apposite fermate, motivo per cui i mezzi pubblici sono costretti a transitare a zig-zag tra la loro corsia e quella dedicata alle auto". Con intuibili ricadute sulla viabilità della zona.

Il quartiere inaccessibile

Ma perchè residenti e commercianti si sentono in trappola? Nella petizione è contenuta la risposta.  La preferenziale e le modifiche alla viabilità che comporta, introducono "L'impossibilità di svoltare su via Cippico e via dei Sommozzatori dalla carreggiata esterna della via Laurentina. Di fatto il quartiere è inaccessibile dalle vetture proveniente dal centro". Cosa che ingenera "gravi ripercussioni sugli esercenti della zona". Per tutte queste ragioni, moltissimi residenti di Giuliano Dalmata stanno chiedendo un ripensamento al Campidoglio e si appellano al presidente municipale d'Innocenti affinchè faccia da tramite. 

I parcheggi per le Forze dell'Ordine

Quelle introdotte dal passaggio del filobus non sono le uniche novità attese nel quartiere. In via Genieri i residenti dovranno rinunciare a 26 stalli. Saranno infatti riservati ai mezzi dell'Arma dei Carabinieri, come richiesto dalla Legione Lazio Nucleo Radiomobile di Roma. I parcheggi che saranno dedicati ai militari, si trovano dal civico 80 al civico 83.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (12)

  • Drammatica la situazione della viabilità con queste modifiche. Grave la modalità a macchia di leopardo della preferenziale che cancella una corsia in entrambi i sensi di marcia, ma chiudere l’accesso al quartiere sia da Cippico sia da Sommozzatori è una follia completa.

    • chiudere l’accesso al quartiere sia da Cippico sia da Sommozzatori è una follia completa.

      Quello che lamenti è un falso problema.

      • Lei, come altri qui sotto, non sa di cosa parla. Provo a spiegarglielo: non è stata organizzata una corsia preferenziale ininterrotta da vile dell'Umanesimo alla stazione Metro, circa 850m; sono stati previsti tre tratti da 50m l'uno, all'altezza di via Cippico, via dei Sommozzatori e di fronte all'American Palace Hotel. Ora, chi abita nel quartiere Giuliano-Dalmata, se proviene in automobile dal Centro città, non può più girare a sinistra in una delle due summenzionate strade. Risultato: oltre 10 minuti (10 minuti!) in più per tornare a casa. 10 minuti di scarico gas in più per n-mila autovetture/medie al giorno. Rispetto a prima, il filobus non introduce alcuna variante: non è un tram, con le sue rotaie; non è un treno, con la sua lunghezza; è un mezzo di trasporto lungo una volta e mezza un autobus normale. Quindi non ha alcun senso impedire le svolte a sinistra di cui parliamo. Sperando di essere stata utile, aggiungo un'ultima cosa, una proposta concreta in mezzo a tante chiacchiere: gli organi competenti devono "sbloccare" l'incrocio Umanesimo/Laurentina, nel senso di permettere 1) a chi proviene da v. Sinigaglia di girare a sinistra, 2) a chi proviene da v.le dell'Umanesimo di girare a sinistra. Ciò ridurrà parzialmente i gravi disagi citati. Ma l'optimum rimane ripristinare la svolta a sinistra su Cippico e Sommozzatori. Cordialmente.

        • Ripeto, quello che lamentate è un falso problema. Per raggiungere il quartiere Giuliano-Dalmata passerete da Via Suppè, oppure giungerete al semaforo di Via degli Artificeri, inquinando tanto quanto ora perchè il traffico e il tempo di percorrenza sarà sensibilmente ridotto da quelli che lasceranno l'auto per il Filobus.

          • Ribadisco che chi fa affermazioni senza competenza dovrebbe stare zitto: vale a livello nazionale, regionale, provinciale, comunale, municipale e condominiale, e vale anche quando si commenta una notizia. Il fatto che lei suggerisca via de Suppé chiarisce, qualora ve ne fosse stato bisogno, che lei non abita nel quartiere Giuliano-Dalmata. Passare dal semaforo di via degli Artificieri implica +700m di percorrenza in auto, +3 semafori, +5'-15' di tempo (a seconda del momento della giornata). Ma a lei non interessa, perché evidentemente non abita da quelle parti; quindi perché fa polemica? Ascolti chi espone la problematica, invece di controbattere senza costrutto. Cordialmente.

            • Le comunico che tra il 1945 e il 2000 hanno realizzato molte altre strade che possono essere percorse per raggiungere il Quartiere Giuliano-Dalmata. Capisco anche che cambiare le abitudini dei romani a Roma, è difficilissimo (in trasferta sono molto più disponibili). Vedrà che ci riuscirà anche lei e improvvisamente esclamerà la classica domanda retorica "ma com'è che non l'hanno fatto prima???"

              • Capisco anche che cambiare le abitudini dei romani a Roma, è difficilissimo (in trasferta sono molto più disponibili). Vedrà che ci riuscirà anche lei e improvvisamente esclamerà la classica domanda retorica "ma com'è che non l'hanno fatto prima???"

                Roberta è solo questo quello che volevo precedentemente postare

  • Caro paleolitico, grazie anche a questa corsia preferenziale, dopo più di 12 anni, un ecologico e rapido filobus servirà il quartiere e quelli limitrofi alla faccia dei competenti di prima, capaci solo di comperare milioni di euro di filobus per tenerli fermi all'aperto a marcire per anni.

  • la cultura delle corsie preferenziali ha provocato negli ultimi decenni enormi difficoltà alla mobilità, con conseguenze devastanti sull'inquinamento e sulla qualità della vita dei residenti, che non possono contare come accade altrove su un rete metropolitana degna di questo nome, e con un trasporto pubblico estremamente inefficiente. La logica ancora una volta sembra quella del business, evidentemente rende, in termini di consensi elettorali, di più buttare soldi per le preferenziali piuttosto che costruire metropolitane e riparare le buche per le strade.

    • Siamo gli unici in Europa contrari a una corsia preferenziale per il trasporto pubblico (questo non è neanche il caso più eclatante, vedasi la vicenda di Viale Libia/Eritrea), vi sembra normale? Non è questione di business elettorale, ma di mancanza di senso civico, tipica del romano medio.

      • Lei, come altri qui sotto, non sa di cosa parla. Provo a spiegarglielo: non è stata organizzata una corsia preferenziale ininterrotta da viale dell'Umanesimo alla stazione Metro, circa 850m; sono stati previsti tre tratti da 50m l'uno, all'altezza di via Cippico, via dei Sommozzatori e di fronte all'American Palace Hotel. Ora, chi abita nel quartiere Giuliano-Dalmata, se proviene in automobile dal Centro città, non può più girare a sinistra in una delle due summenzionate strade. Risultato: oltre 10 minuti (10 minuti!) in più per tornare a casa. 10 minuti di scarico gas in più per n-mila autovetture/medie al giorno. Rispetto a prima, il filobus non introduce alcuna variante: non è un tram, con le sue rotaie; non è un treno, con la sua lunghezza; è un mezzo di trasporto lungo una volta e mezza un autobus normale. Quindi non ha alcun senso impedire le svolte a sinistra di cui parliamo. Sperando di essere stata utile, aggiungo un'ultima cosa, una proposta concreta in mezzo a tante chiacchiere: gli organi competenti devono "sbloccare" l'incrocio Umanesimo/Laurentina, nel senso di permettere 1) a chi proviene da v. Sinigaglia di girare a sinistra, 2) a chi proviene da v.le dell'Umanesimo di girare a sinistra. Ciò ridurrà parzialmente i gravi disagi citati. Ma l'optimum rimane ripristinare la svolta a sinistra su Cippico e Sommozzatori. Cordialmente.

    • Buttare soldi per le preferenziali? Non smentisci il tuo nome per come ragioni, da paleolitico!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Termini: come una lite tra senza fissa dimora diventa un caso politico. Tre versioni e il giallo del crocifisso

  • Tor Sapienza

    Orti, boschi urbani e una Casa delle arti e dei mestieri: così rinascerà il Parco Giorgio De Chirico a Tor Sapienza

  • Cronaca

    Prati: molotov contro sede della Lega a Pasquetta. "Non ci faremo intimidire"

  • Politica

    Il debito di Roma mette alla prova il Governo: in consiglio dei ministri il decreto crescita, Lega e M5s divisi

I più letti della settimana

  • È morto Massimo Marino, personaggio cult delle notti romane

  • Perde controllo dell'auto e si ribalta in una cunetta, tre feriti. Due sono gravi

  • Amazon apre a Settecamini: nuovo deposito smistamento a Roma, previsti 115 posti di lavoro

  • Valmontone: scontro auto-moto, due feriti. Una è la moglie di Cerci

  • Spari alla Marranella: tassista ferito alla mano con un colpo di pistola

  • Doveva laurearsi ma non era vero, studentessa in fuga rintracciata su un treno a Firenze

Torna su
RomaToday è in caricamento