Eur Today

Via Laurentina, verso la conclusione dei lavori spunta una corsia preferenziale. Cittadini "soddisfatti a metà"

E' tempo di bilancio per i lavori di ampliamento della via Laurentina. Seri (Comitato Cinque Colline): "Guardiamo il bicchiere mezzo pieno, ma senza accontentarci. Continueremo ad avanzare le nostre richieste, tra cui la revisione della segnaletica"

I lavori per la messa in sicurezza della via Laurentina, nel tratto compreso tra il Cimitero e Pomezia, sono quasi terminati. Le operazioni si sono dimostrate particolarmente laboriose e l’attesa, di conseguenza, è stata lunghissima. In vista della dirittura d'arrivo, è già possibile tirare le somme.  

LA CORSIA PREFERENZIALE - "Fine lavori con effetto sorpresa" ha commentato Lorella Seri, presidente del Comitato delle Cinque Colline. Sulla strada è infatti apparsa una linea gialla: è stata realizzata un corsia preferenziale. “Pessima idea questa corsia della mobilità, lo abbiamo sempre detto” osserva Stefano Leprini, attivista dello stesso comitato. “Non si è trattato di una vera e propria sorpresa, poiché sapevamo che c’era l’intenzione di realizzare questa preferenziale – spiega Seri – però abbiamo sperato che si potesse scongiurare: da noi passa una sola linea di trasporto pubblico, quando passa”.

UNA SCELTA IN CONTRODENDENZA - I lavori non hanno contemplato ovviamente la sola apposizione di una striscia gialla. Anche se, chiaramente, la sua presenza riduce la portata dell’intervento. La consolare è utilizzata quasi esclusivamente dal traffico veicolare ed infatti il servizio di trasporto pubblico, ha un’incidenza molto relativa sui flussi che interessano via Laurentina.

PARZIALMENTE SODDISFATTI - “Cerchiamo comunque di guardare il bicchiere mezzo pieno – osserva Seri – se è vero che la carreggiata non è larga come volevamo, a mio avviso è migliorata la sicurezza. Sono ad esempio stati eleminati dei ponticelli che restringevano la strada. L’ asfalto inoltre adesso è liscio ed il sottofondo che era cedevole è stato sistemato”. La soddisfazione è solo parziale. “Continueremo a chiedere la revisione della segnaletica, l'installazione dei cosiddetti  occhi di gatto, le colonnine fisse per la rivelazione puntuale della velocità e  le telecamere per la dissuasione all'abbandono dei rifiuti.  Vogliamo guardare al bicchiere mezzo pieno – conclude Lorella Seri – ma non intendiamo accontentarci”.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)