Eur Today

Laurentino, spostato il mercato di via Quasimodo. D’Innocenti: “Vi spiego perché è meglio così”

Il presidente del Municipio IX interviene nella discussa vicenda che ha portato al trasferimento di un mercato, dalla Ferratella al Laurentino. "Stamattina sono andato a verificare le conseguenze di uno spostamento che, ripeto, è temporaneo"

Il trasferimento del mercato di via Quasimodo è avvenuto. Dal quartiere della Ferratella, è stato spostato nel parcheggio del mercato stabile di via Sapori. Una scelta che aveva destato le proteste del Consiglio di Quartiere preoccupato anche per i flussi di traffico che, si temeva, avrebbero congestionato il quadrante. All’indomani del Consiglio straordinario tematico, il trasferimento il 29 marzo è divenuto effettivo. Per l'occasione il minisindaco del Municipio IX si è recato sul posto, insieme ad alcuni consiglieri.

Presidente, che situazione ha trovato in via Sapori?

Ho trovato una situazione ordinata, con gli stalli che delimitavano gli spazi per ciascun operatore, perfettamente a norma. Mi è sembrato anche molto fruibile dal punto di vista della clientela. Sicuramente meglio di prima. Anche la direzione del vecchio mercato stabile che lì è situato, si è mostrata soddisfatta.

Il Consiglio di Quartiere aveva più volte espresso il problema che si sarebbe creato in via Sapori, per l'aumento del traffico veicolare.

"Questa mattina c'era il Comandante della Polizia Locale, a cui ho chiesto se in effetti ci fossero state delle conseguenze. Ci ha assicurato di non averne riscontrate, il traffico su via Sapori è rimasto regolare. Per quanto riguarda i posti auto, che poteva essere un altro problema visto che il mercato è stato trasferito in un parcheggio, abbiamo visto che verso le 9.30 ce n'erano ancora cinquanta o sessanta a disposizione.

Ma perchè è stato necessario realizzare questo trasferimento?

Era una scelta che si trascinava da anni. Ed infatti questa mattina abbiamo ricevuto i complimenti perchè siamo stati coraggiosi, nel prendere una decisione che veniva rimandata. Adesso però era impossibile continuare a farlo, per tante ragioni. Per una questione di sicurezza, visto che i banchi in via Quasimodo stavano su sede stradale ed a poca distanza da un cantiere. Poi anche per contrastare l'abusivismo, ora è meglio visto che con gli stalli, gli spazi sono delimitati, ed è più facile controllare. 

Quindi il mercato resta in via Sapori?

Noi questa mattina abbiamo parlato anche con le persone del Consiglio di Quartiere che stavano protestando. Ho ribadito loro che si tratta di un trasferimento provvisorio. Inoltre ho ascoltato la loro proposta, relativa ad un trasferimento dei banchi in via Bellonci (zona Ferratella ndr)  La valuteremo, sia sul piano urbanistico che sul piano delle risorse che andrebbe ad impegnare. L'aspetto economico non è secondario, ma eventualmente si potrebbe ricorrere agli oneri concessori di chi sta costruendo in zona. E' una proposta comunque da valutare, non vogliamo escludere questa possibilità.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Colli Aniene: si ribalta una gru, operaio 57enne muore schiacciato

    • Economia

      Da Alitalia nuovo colpo per l'occupazione di Fiumicino e Roma: 10.000 lavoratori a rischio

    • Politica

      Raggi visita Ostia: "Che eccellenza il Polo Natatorio! Ora giù il Lungomuro"

    • Cronaca

      Castro Pretorio, 20enne trascinata dietro ai cassonetti e violentata da due uomini

    I più letti della settimana

    • Eur, il laghetto che doveva essere balneabile tra alghe e discoteche: il decoro dov'è?

    • Colombo a 30 e 50 km/h, una petizione per annullare i limiti. "Strada non sicura"

    • Colombo a cinquanta all'ora: "I limiti dobbiamo considerarli definitivi?"

    • Prostituzione all'Eur: fuochi accesi per scaldarsi durante la notte

    • Mostacciano, brucia il giardino davanti un asilo nido. Montano le proteste

    • Decima, la scuola dei Lillà resta chiusa. Insorge il Comitato di Quartiere: "Ci sentiamo presi in giro"

    Torna su
    RomaToday è in caricamento