EurToday

Manutenzione aree verdi, il Municipio IX gioca la carta dei detenuti: ma senza giardinieri vince il degrado

Chiesto un tavolo di programmazione sulla gestione del verde. Positivo ma non sufficiente l'impiego dei detenuti, pesa l'assenza del servizio giardini

Parco Matteo di Fazio, Torrino. Foto di A. Lepidini

Alberi che crollano, arredi urbani nascosti tra le erbacce, cinghiali segnalati a ridosso dei centri abitati. La manutenzione del verde nel Municipio IX resta problematica. C'è un'evidente disparità tra la supeficie da gestre e le risorse in campo. Una differenza sostanziale che l'amministrazione centrale non aiuta a ridurre. La stagione primaverile fa il resto. I fiori e le piante sono cresciute rapidamente, in assenza dei necessari sfalci.

Problemi rimandati

Dentro e fuori la sala consiliare, l'opposizione ne approfitta per affilare gli artigili. "Le iniziative 'spot' promosse in questi anni dall'amministrazione grillina non hanno risolto il problema ma l'hanno solo rimandato e, in molti casi, aggravato. E infatti oggi i residenti, esasperati, tempestano il municipio di segnalazioni poiché non riescono più a fruire del parco sotto casa per fare una semplice passeggiata o per portare i propri figli a giocare all'aria aperta"dichiara Pietrangelo Massaro, il coordinatore municipale di Forza Italia. Da parte del suo partito, come ha ricordato anche Piero Cucunato, è stata richiesta la convocazioen di una commissione Trasparenza e firmato un consiglio straordinario sul degrado del verde". Massaro tenta la strada del dialogo è propone "in tempi brevissimi un tavolo straordinario di programmazione e di controllo degli interventi nelle aree verdi". Sembra quasi un tentativo di conciliazione che i democratici non sembrano però condividere.

Il ritardo nella programmazione

Il dem Alessandro Lepidini punta l'indice contro l'assessorato all'ambiente. "I tavoli ormai non servono a niente ed Antonini dovrebbe dimettersi". Nel suo j'accuse, il consigliere PD , ricorda che non ci sono solo le aree verdi ma anche "le rotatorie e gli spartitraffico". Alcune di queste, in passato, venivano manutenute dai privati in cambio di piccoli cartelli pubblicitari. "Ma dell'avviso delle sponsorizzazioni si sono perse le tracce – obietta Lepidini – c'è un costante ritardo nel programmare qualsiasi intervento, non si riescono a far partire i bandi e questo amnifesta un'evidente responsabilità politica. Pertanto la gestione fallimentare non è soltanto del Municipio, e le dimissioni dovrebbe presentarle per manifesta incapacità anche l'assessore Montanari".

Gli interventi messi in campo

La gestione del territorio con la maggiore superficie di verde pubblico della Capitale, non è semplice. "Purtroppo abbiamo pochissimi giardinieri a disposizione ed anche i mezzi non sono adeguati. Su questo fronte – racconta l'assessore Antonini – già lo scorso anno sono riuscito ad ottenere i trattori dalle aziende agricole comunali. Quest'anno invece ho proposto ed ottenuto di coinvolgere anche i privati, puntando sul cosiddetto fienaggio urbano. Le aziende agricola gagliano aree verdi pubbliche ed in cambio recuperano il fieno per il foraggio. Un'iniziativa nuova che stiamo per lanciare su scala cittadina".

I detenuti ed in nuovi giardineri

In assenza di risorse, il Municipio punta quindi su soluzioni originali, innovative. "Grazie al protocollo firmato dal Campidoglio col Ministero della Giustizia ed il dipartimento di amministrazione penitenziaria, abbiamo potuto disporre dell'aiuto dei detenuti. Inizialmente era previsto che vi si potesse ricorrere solo per le aree centrali, ma ho personalmente chiesto ed ottenuto che lavorassero anche nel nostro municipio". Nel territorio si sono resi protagonisti d'interventi in almeno quattro quartieri, da Tor de' Cenci al Laurentino, passando per il Torrino e la Cecchignola. "E prossimamente saranno impiegati anche a Decima, in via Milleovoi ed a Giuliano Dalmata".  Resta il problema di fondo: un territorio vasto da manutenere con poche risorse. I 100 nuovi giardineri più volti annunciati dall'amministrazione capitolina, potrebbero offrire una boccata d'ossigeno al territorio. A condizione che il Municipio IX si faccia sentire affinchè  siano assegnati, nella giusta proporzione, anche al suo immenso territorio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Metro A chiusa ad agosto, terza fase dei lavori: niente treni tra Termini e Battistini

Torna su
RomaToday è in caricamento