EurToday

Eur, alle spalle di Gandhi c'è un tappeto di preservativi: "Basta tolleranza"

Dietro la statua di Gandhi regna indisturbato il fenomeno della prostituzione. Lampariello: "Hanno ripulito, ma dopo poche ore nell'area sono tornati i preservativi"

Il fenomeno della prostituzione nelle strade dell’Eur continua ad essere profondamente radicato. Le tracce dell’attività che le meretrici svolgono all’interno del Pentagono, si possono rilevare con estrema facilità. Sono praticamente ovunque. Sotto le finestre delle abitazioni ed addirittura, come recentemente dimostrato, nell’area giochi del laghetto dell’Eur.

Alle spalle di Gandhi

Decine di preservativi ed altrettanti fazzoletti, sono stati rinvenuti a poca distanza dalla Basilica di San Pietro e Paolo. Per l’esattezza, il ritrovamento questa volta è avvenuto alle spalle della statua dedicata a Gandhi, all’interno quindi dell’omonima piazza. Evidentemente la mole della scultura, offre un riparo sicuro ai clienti delle prostitute che, nella zona,hanno creato l'ennesima alcova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un degrado invincibile

Dietro alla statua dedicata al simbolo della non violenza, ancora una volta vicino agli appartamenti di viale Tupini, si continuano quindi a consumare le notti libertine. La prova, fornita da un video girato dagli attivisti dell’associazione Ripartiamo dall’Eur è eloquente. "Le immagini sono state giarte domenica 16, le foto invece le abbiamo scattate lunedì pomeriggio e dimostrano che, evidentemente, sono passati a pulire – osserva Paolo Lampariello, presidente di Ripartiamo dall'Eur – i fazzoletti sono spariti, mentre si osserva comunque qualche preservativo. Devono essere tornati all’azione. E questo significa che l’area, dopo l’intervento dell’Ama, è rimasta pulita solo per poche ore".

Basta tolleranza

"Non è possibile proseguire così - valuta Lampariello - Gandhi è stato un esempio di pace e tolleranza, ma noi non ne possiamo più. Questo scenario è paradossale e ci spinge, ancora una volta, a dire che non ce la facciamo più a convivere con tutta questa tolleranza". L'assenza di controllo per un fenomeno che, a dispetto della legge, continua a realizzarsi in luoghi pubblici, sembra evidente. Le istanze dei cittadini dell'Eur restano ancora una volta inascoltate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus: a Roma 58 nuovi positivi, 2914 casi nel Lazio. Record di guariti nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

  • Coronavirus, a Roma 75 nuovi casi. Nel Lazio 2295 i contagiati totali, oggi 12 morti

Torna su
RomaToday è in caricamento