EurToday

Eur, 700 residenti chiedono di spostare il mercato di viale America

Con una raccolta firme la Onlus Ripartiamo dall'Eur chiede di delocalizzare il mercato. Assessore De Novellis: "Stiamo cercando siti alternativi, anche in collaborazione con gli operatori"

Spostare i banchi da viale America. E' questa la richiesta che arriva dai cittadini del cosiddetto "Pentagono". In settecento hanno infatti firmato la petizione con cui, l'associazione Ripartiamo dall'Eur, ne ha chiesto il trasferimento.

Dove sono dislocati i banchi

Sono una quarantina i banchi che, quotidianamente, si alternano in due punti nevralgici del quartiere.  Una parte, dopo la sistemazione della terrazza panoramica di Eur-Fermi, si trovano all'ingresso dell'omonima fermata metropolitana. Un'altra parte degli operatori sono invece concentrati su viale America, sotto gli scheletri di quelle che furono le Torri di Ligini.

I rifiuti lasciati dagli ambulanti

In entrambe i casi la presenza dei banchi, non contribuisce a migliorare il decoro del quartiere. Anche perchè i rifiuti, se non vengono immediatamente rimossi, finiscono nella scalinata del sottopasso di viale Cristoforo Colombo. E stato ripristinato appena un anno fa e rappresenta una delle poche opere che il territorio ha ricevuto in dote dall'operazione legata alla Formula E.

L'attenzione al decoro

“Abbiamo dato consistenza alle richieste degli abitanti del pentagono dell’Eur e, in collaborazione con l’amministrazione municipale, stiamo cercando di risolvere uno dei problemi di decoro del Pentagono– spiega Paolo Lampariello, presidente della Onlus Ripartiamo dall'Eur – il nostro quartiere è famoso nel mondo per la sua eleganza architettonica e urbanistica e tale vogliamo che rimanga”.

I controlli

La raccolta firme è stata consegnata nelle mani dell'assessore al commercio Roberto de Novellis che, nel Municipio IX, assolve anche alla funzione di vicepresidente. "Ben venga la petizione di un'associazione attenta alla valorizzazione del territorio. Noi quel mercato lo stiamo monitorando da due anni, in collaborazione con la Polizia locale e gli agenti accertatori di Ama. Stiamo verificando la compatibilità ambientali delle rotazioni che sono sate sistemate lì dal 2014, stipate in 41 spazi ristretti e di pregio. Verificato quindi che lì sono incompatibili, stiamo lavorando alla ricerc di sisti alternativi". Una ricerca che però non sarà svolta dentro gli uffici di qualche dipartimento nè del Municipio. 

La futura delocalizzazione

"Stiamo cercando di delocalizzare colloquiando con il territorio. Vale a dire con cittadini ed ambulanti, senza creari traumi per chi lavora, ma cercando di tutelare anche il territorio" tiene a sottolinere l'assessore De Novellis. In municipio già si sono svolti alcuni incontri, "il primo c'è stato sulla fine del 2018" specifica l'assessore. E dalla giunta è arrivata un'apposita delibera. La sensazione è che siato tutti favorevoli al trasferimento di questo mercato. A condizione che si trovi una sede adeguata. La ricerca è appena iniziata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune di Roma assume, 1512 i posti a disposizione: ecco il concorsone

  • Blocco traffico, a Roma diesel fino a Euro 6 vietati anche venerdì 17 gennaio

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

  • Blocco traffico, a Roma diesel vietati anche domani: smog ancora alle stelle

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

Torna su
RomaToday è in caricamento