EurToday

Riserva di Decima Malafede, RomaNatura: "Nessuna autorizzazione al taglio". Ma il nulla osta già c'è

L'ente bolla come bufala la notizia del taglio degli alberi. "Al momento c'è solo una valutazione tecnica da parte degli uffici". Ecco i documenti firmati

Sono confermate le autorizzazioni rilasciate da Roma Natura all'esbosco di un'area presente nella riserva di Decima Malafede. Si tratta di un bosco che copre un'area di circa 27 ettari in località Castel Romano. Ad essere interessati al taglio saranno gli alberi distribuiti su una superficie di oltre 21 ettari.

La notizia, diffusa da Romatoday venerdì 9 febbraio, ha acceso i riflettori su una vicenda che è rapidamente diventata virale. Ai commenti sui social network, si sono associate le dichiarazioni dei politici che, approfittando della campagna elettorale in corso, hanno utilizzato facebook per condannare l'iniziativa di Roma Natura. Il presidente dell'Ente regionale, consapevole del polverone che stava montando, è intervenuto con un comunicato stampa.  

Roma Natura e la presunta bufala

"Per quanto riguarda la notizia del presunto taglio di 20 ettari di bosco nella Riserva Naturale di Decima Malafede, siamo di fronte all'ennesima bufala – ha commentato Maurizio Gubbiotti -  Nessun taglio di questo tipo è in corso ne è stato autorizzato. Al momento c'è solo una valutazione tecnica da parte degli uffici. Comunque l'attenzione come sempre è tale – ha aggiunto – che le prescrizioni per svolgimento sono rigidissime e completamente rispettose della salvaguardia della biodiversità dal punto di vista della flora e della fauna". Prescizioni che, evidentemente, riguardano il taglio degli alberi di Castel Romano.

Le autorizzazioni già rilasciate da Roma Natura

In merito alla mera "valutazione tecnica" va sottolineato che i due atti sono firmati dal direttore di Roma Natura, Danilo Casciani, e da un paio di dirigenti apicali. Si tratta esattamente di due nulla osta  rilasciati per l'esbosco e per l'utilizzo "in via sperimentale" di mezzi meccanici. Laddove invece Gubbiotti fa notare che "l'iter autorizzatorio, non ancora concluso è costantemente monitorato direttamente dal Parco" va fatto notare che, per quanto riguarda il suo ente, i pareri sono già stati rilasciati ed al netto di alcune prescrizioni sono favorevoli. L'iter autorizzatorio non è concluso solo perchè il richiedente  è tenuto ad ottenere il via libera anche dagli altri enti preposti, come il Comune e la Sovrintendenza.

Il nulla osta al taglio

Con un primo provvedimento l'ente presieduto da Gubbiotti ha rilasciato il nulla osta agli interventi selvicolturali che la società agricola Le Tenute Srl ha chiesto di compiere all’interno della Riserva. Le superfici nette interessate al taglio sono divise in due aree: la porzione nord per ettari 12,54 e la porzione Sud di ettari 8,69. La superficie boschiva autorizzata al taglio, come si evince anche nella tabella contenuta nel provvedimento, è di ettari 21,24.

L'utilizzo sperimentale dei mezzi meccanici

C'è poi un secondo provvedimento che arriva subito dopo la prima autorizzazione. L’azienda agricola ha infatti chiesto ed ottenuto da Roma Natura di poter utilizzare mezzi agricoli meccanici. Si tratta di una novità per questo tipo di operazioni tant’è vero che l’ente regionale presieduto da Maurizio Gubbiotti  accetta (anche in questo caso la firma è di Casciani) la richiesta indicando però alcune prescrizioni. Dal momento che “l’ente intende procedere ad una sperimentazione per valutare la possibilità dell’utilizzo di mezzi meccanici durante le operazioni di esbosco” viene concesso anche questo secondo nulla osta. L'uso di mezzi meccanici di medie dimensioni "caratterizzati da trattori gommati agricoli versione forestale con gabbie montate frontalmente,” è quindi autorizzato. Tuttavia l’utilizzo del trattore cingolato, poiché è concesso in via sperimentale, sarà soggetto ad accertamenti da parte del personale tecnico dell’Ente che dovrà quindi verificare se saranno prodotti danni irreversibili alla struttura del suolo. In tal caso, l’esbosco meccanico verrà immediatamente fermato.

Destinato a fare legna

Sentito da Romatoday il presidente Maurizio Gubbiotti ha ribadito che "non è in atto alcun taglio" cosa peraltro mai scritta dalla nostra testata. Inoltre ha specificato che "la superficie interessata è quella di un bosco ceduo, destinato quindi a fare legna. Le prescrizioni che i nostri uffici, in piena autonomia rispetto a me, hanno espresso sono tali da garantire un corretto svolgimento delle operazioni. Si tratta quindi di una pratica agricola che non lascerà il bosco come un tavolo da biliardo ma che avviene sotto controllo". Inoltre, ha osservato Gubbiotti, "sui semila ettari della riserva, non è possibile mantenere una tutela integrale". A farne le spese saranno gli alberi del bosco per i quali Roma Natura ha concesso il nulla osta al taglio.

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino, tutto quello che è bene sapere

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • "Aperti per ferie", l'estate del Mercato Contadino Castelli Romani

I più letti della settimana

  • La figlia non risponde al telefono da due giorni, chiamano i carabinieri e la trovano morta

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Incendio in via del Cappellaccio: in fiamme deposito di pneumatici, fumo nero tra Eur e Ostiense

  • Incidente a San Giovanni: donna investita e uccisa da un camion

  • A Roma per una visita medica, muore investita da camion. "Stava attraversando le strisce"

  • Autobus in fiamme a piazza Cantù. I testimoni "Abbiamo sentito due esplosioni"

Torna su
RomaToday è in caricamento