EurToday

Vitinia: per migliorare il servizio della Roma Lido servono corse straordinarie

Le lunghe attese ed i vagoni debordanti, portano a considerare soluzioni dirimenti. Per Stazi (SEL) "bisogna valutare l'istituzione di corse straordinarie con partenza dalla stazione di Acilia"

Le lunghe attese, rese tali soprattutto dalla limitata capienza dei vagoni,  impongono frequentemente agli utenti della Roma Lido di  aspettare la corsa successiva. Con un’evidente, complessiva  perdita d’ efficacia del  servizio trasportistico. E’ questo il senso della denuncia che Alessio Stazi, coordinatore di SEL nel Municipio XII, ha voluto evidenziare.

LE ATTESE IN BANCHINA. “Nelle ore di punta, è previsto, formalmente, il passaggio di un treno ogni 7/10 minuti nelle stazioni della Roma-lido.  Spesso, come sappiamo, il servizio non soddisfa questa previsione a causa di danni alle vetture o alla linea – come è accaduto anche la scorsa settimana - I disservizi sono però solo la punta dell’iceberg, poiché le criticità sono ben più ampie. Su questo circuito della mobilità romana, anche nei casi di perfetto adempimento delle tabelle di percorrenza, la linea non riesce affatto a rispondere alle necessità degli utenti del servizio – spiega Stazi che aggiunge -In particolare i pendolari delle stazioni del XII Municipio, Vitinia e Tor di Valle, arrivano ad attendere quotidianamente anche il passaggio di due o tre treni prima di riuscire a salire sulle vetture. Arrivando quindi ad aspettare ben 30 minuti!”

LA CRESCITA DEMOGRAFICA. Il sovraffollamento dei treni utilizzati nella linea Roma Lido, è un dato oggettivo. Soprattutto nelle ore di punta, non è raro incontrare carrozze stipate all’inverosimile, su cui si fatica a salire. Questo anche in conseguenza della forte crescita urbanistica dei territori entro cui si muove. “Il livello dei problemi infrastrutturali della Roma-lido è esasperante – evidenzia Stazi – parliamo di  una linea che serve ben quattro municipi romani, trai quali XIII e XII, nonché XI, che hanno conosciuto uno sviluppo urbanistico, e quindi demografico, ben al di là delle capacità di risposta del tpl; siamo quindi di fronte ad una mobilità in crisi per fattori multi-sistemici frutto di una pessima gestione della città”.

lNCREMENTARE LE CORSE. Ma se le difficoltà appaiono evidenti, alle migliaia di pendolari che quotidianamente utilizzano la Roma Lido, è difficile immaginare delle opzioni che  permettano di risolverle in maniera apprezzabile.
“Per rispondere repentinamente a questo disagio  - si sbilancia il Coordinatore di SEL - chiediamo la valutazione dell’istituzione di corse straordinarie con partenza dalla stazione di Acilia, così da restituire l’accesso regolare al servizio a un gran numero di pendolari oltre il XIII Municipio e offrire un complessivo miglioramento delle condizioni di viaggio per tutti”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento