EurToday

Largo Cannella: cambiano le amministrazioni, resta la discarica. Ed ora arrivano nuovi rifiuti

Doveva essere un polo di servizi ma si è trasformato in una discarica

Rifiuti ferrosi, plastici, lignei. Nella discarica improvvisata di Largo Cannella, non manca nulla. Doveva essere un centro polifunzionale, sede di attività socio culturali, di esercizi commerciali e di servizi erogati dai centri d'assistenza fiscale oltre che dall'anagrafe municipale. Ed invece si è trasformato in un ricettacolo di rifiuti.

Il ripristino della legalità

Gli interventi di bonifica che, nel corso delle varie amministrazioni, si sono occasionalmente succeduti non hanno risolto il problema di fondo. Manca un progetto complessivo di rilancio. In assenza del quale, le singole iniziative di riqualificazione perdono efficacia. E nel medio periodo, sono destinate a fallire. E' successo per gli interventi di pulizia occasionalmente promossi dalle passate consiliature. Come per quelli messi in campo dall'attuale amministrazione. Prova ne siano le condizioni in cui versa il pian terreno. La chiusura dell'ortofrutta  abusivo che lì aveva aperto, risale  a marzo 2017. Da allora, i bancali su cui la merce veniva esposta, sono rimasti sul posto. L'intervento di Ama, sollecitato dal Municipio, ha portato alla rimozione solo delle cassette della frutta. E questo perchè, per completare l'operazione,  occorreva "provvedere con ulteriori atti amministrativi in quanto – aveva chiarito l'assessore al Commercio del Municipio IX – l'attività aveva nuovamente violato le norme". Con il trascorrere dei mesi, il problema non è stato risolto. Ed il degrado è aumantato.

Abbandono rifiuti e carenza manutenzione

"Per tutto questo tempo, oltre agli espositori di legno, hanno lasciato all'aperto anche un bancone che ora è stato fatto a pezzi, probabilmente per recuperarne il ferro o il rame" segnalano i residenti. Le parti sopravvissute sono state disseminate lungo tutta l'area, trasformando il piano terra in una piccola discarica a cielo aperto. Il bancone, peraltro, rappresenta l'eredità della gelateria che, prima dell'ortofrutta, era ospitata in quel locale. Il passaggio da un esercizio all'altro, aveva lasciato in dote questo arredo. Prevedibile, nel medio termine, quale ne sarebbe stato il destino. Al degrado causato dall'abbandono di rifiuti o dalla devastazione di arredi, si aggiunge la carente manutenzione. Molte caditoie risultano ostruite e con la pioggia l'acqua ristagna sul pavimento. Anche l'impianto di illuminazione è da rividere. Per non parlare delle pulizie, affidate soprattutto alla buona volontà di qualche esercente. Resta il degrado. E la sensazione che, per superarlo, occorra investire seriamente sul futuro dello stabile. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus: a Roma 58 nuovi positivi, 2914 casi nel Lazio. Record di guariti nelle ultime 24 ore

  • Roma, dove ha colpito di più il Coronavirus? Ecco la mappa dei contagi nei municipi

  • Coronavirus: a Roma 54 nuovi positivi, si abbassa il trend dei contagi. Nel Lazio 3095 casi da inizio epidemia

Torna su
RomaToday è in caricamento