EurToday

Spinaceto: la vallata del parco campagna resta off limits per l'immobilismo del Municipio IX

La Giunta D'Innocenti ha deciso di sollecitare i dipartimenti e la Direzione Tecnica municipale a rimuovere i pericolosi tondini di ferro ereditati dal Punto Verde Qualità di Largo Sergi. L'intervento è atteso dal dicembre 2017

La vallata del Punto Verde Qualità si Spinaceto - Largo Sergi

Le profonde radici lasciate dal progetto dei Punti Verde Qualità, nei parchi campagna di Spinaceto, non sono mai state curate. Il proposito di affidare la manutenzione dei due parchi ai privati, in cambio della possibilità di costruire cubature commerciali, non ha sortito gli effetti sperati. E le cicatrici di quelle operazioni sono ancora ben vivisibili.

Il PVQ di Largo Sergi

Dei due Punti Verde Qualità di Spinaceto, quello previsto a Largo Sergi, potrebbe essere definitivamente archiviato. Per riuscirci è però necessaria la restituzione ai residenti della vallata dov'erano previste le attività commerciali. A distanza di anni quello spazio resta interdetto all'utilizzo dei tanti cittadini che frequentano il parco Campagna di Spinaceto Sud, per fare attività fisica o per portare a spasso gli amici a quattro zampe.

Il Municipio ci riprova: ecco la Memoria di Giunta

Con una memoria di Giunta, la squadra di governo municipale ha deciso di sbloccare la situazione.  Infatti su proposta degli assessori Antonini (ambiente) e Maiolati (lavori pubblici) , il presidente Dario D'Innocenti  dovrà attivarsi presso i Dipartimenti capitolini competenti, ma anche presso la Direzione Tecnica del Municipio IX per "intraprendere ogni utile azione volta alla messa in sicurezza ed al ripristino dei luoghi al fine di recuperare l'area alla destinazione originaria". 

L'area da mettere in sicurezza

Se questo finora non è avvenuto, come si apprende nella stessa Memoria di Giunta, è perchè la Direzione Tecnica del Municipio non ha ancora assolto alla richiesta di "rimuovere lo stato di pericolo derivante dai ferri d'attesa". Si tratta dei tondini, alti circa un metro, che emergono dalla vallata di Largo Sergi. Dietro a quello che un tempo ospitava il vecchio mercato bisettimanale di Spinaceto, restano infatti i resti di un'operazione urbanistica mai andata in porto. 

L'immobilismo della Direzione Tecnica del Municipio

Già nel settembre del 2017, a seguito di una Conferenza dei servizi interna, era emersa la possibilità di consegnare l'area al Dipartimento Ambiente, che poi ne avrebbe potuto effettuare il ripristino. Considizione essenziale per questo passaggio di consegne era peràò "il completamento delle azioni di messa in sicurezza dell'area". Un compito richiesto alla Direzione Tecnica municipale che, nonostante il successivo invito ricevuto anche dal Segretariato Generale, risalente a dicembre 2017, ancora non ha provveduto a togliere i tondini di ferro. Ora ci prova anche la Giunta D'Innocenti a chiedere di non indugiare oltre. Per restituire quella vallata alla cittadinanza, occorre superare l'incomprensibile immobilismo degli ultimi anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa sono i Punti Verde Qualità

I Pvq sono aree verdi di proprietà di Roma Capitale, che l'amministrazione ha lasciato in concessione ai privati, senza alcun bando di gara, per trentatre anni. Gli imprenditori, in cambio della manutenzione del verde, hanno così potuto avviare delle attività commerciali. Per farle partire, queste società private - spesso con solo 10mila euro di capitale sociale - hanno beneficiato di prestiti consistenti, spesso milionari. II Comune infatti si è impegnato con due istituti di credito, garantendo il 95% degli importi necessari per realizzare tali impianti.  Complessivamente l'operazione, condotta a cavallo delle amministrazioni Veltroni e Alemanno, ha portato il Comune di Roma a concedere fidejussioni per oltre 390 milioni di euro. Un investimento fallimentare che ha creato un debito monstre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento