EurToday

Spinaceto e Tor de' Cenci: a settembre si sperimenta il porta a porta

Tor de' Cenci, Tre Pini e Spinaceto continuano a soffrire per l'abbandono di rifiuti fuori dai cassonetti stradali. Allo studio varie soluzioni per risolvere il problema. Antonini: "Lotta impari, ma non ci arrendiamo"

Viale Caduti per la Resistenza

L'abbandono dei rifiuti, nelle strade di Spinaceto, Tor de' Cenci ed Eur-Tre Pini, non conosce sosta. Neppure durante il periodo estivo la pratica viene accantonata. Anzi, a giudicare dalla grande quantità di sacchetti che circondano i cassonetti di viale Caduti per la Resistenza, Viale Caduti per la Guerra di Liberazione e via degli Eroi di Rodi, il fenomeno sembra addirittura in crescita.

Le multe degli accertatori Ama

"E' una lotta impari – confida l'assessore all'Ambiente del IX municipio Marco Antonini – ma non ci arrendiamo. Ho chiesto una maggiore presenza degli accertatori Ama, soprattutto in alcune postazioni più critiche". Il loro lavoro, quando vi si è ricorso, ha portato dei benefici. "Elevano multe in grandi quantità, anche duecento al giorno". Ma per ora sono stati utilizzati con estrema parsimonia.

Gli squaletti e la raccolta dei rifiuti in strada

Non ci sono soltanto gli accertatori a contrastare il fenomeno dell'abbandono. Anche gli operatori dell'Ama, a bordo dei loro cassonati, fanno il possibile. "I cosiddetti squaletti passano due volte al giorno – sottolinea Antonini – siamo grati del lavoro che stanno svolgendo". Purtroppo non è durevole perchè, continuamente, i cassonetti stradali continuano ad essere circondati dai rifiuti.

Sfalci e rifiuti solidi urbani

"Il fenomeno è complesso, comunque possiamo sintetizzarlo così: sulla Pontina Vecchia  (Tor de' Cenci) troviamo i resti delle lavorazioni di qualche cantiere che probabilmente effettua ristrutturazioni. A Spinaceto ed a Tre Pini ci sono gli sfalci di residenti che, ipotizziamo, arrivano da Mostacciano e Villaggio Azzurro (dove la raccolta è porta a porta e molte abitazioni hanno il giardino ndr). In tutti i casi abbiamo trovato rifiuti urbani di quanti, evidentemente, non vogliono fare la differenziata porta a porta". Eppure saranno sempre di più quelli che dovranno ricorrervi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Estendere la raccolta porta a porta

Da tempo il Comitato di Quartiere di Spinaceto e Tor de' Cenci ha espresso il desiderio di estendere la raccolta dei rifiuti con la modalità spinta, cioè anche con la frazione organica, in sede domestica. Si chiede in altre parole di togliere i cassonetti dalla strada. Un'instanza a cui l'amministrazione non si mostra indifferente. "A settembre ci saranno delle novità nell'allargamento del servizio di raccolta porta a porta. Ma ci riserviamo di comunicarle a tempo debito nei modi più appropriati - annuncia l'assessore municipale Antonini -  Stiamo lavorando per implementare anche altre soluzioni, ad esempio andando a verificare se ancora sono disponibili, nei palazzi, i locali per la raccolta dei rifiuti. Il censimento è già partito". La battaglia continua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento