EurToday

Strade malconce da Spinaceto a San Basilio, nelle buche arrivano i cactus: "Periferie sono deserti"

Replicata l'iniziativa 'Fiori cresciuti in mezzo ai sanpietrini' nei quartieri più periferici. Tra i provocatori "pollici verdi" gli attori romani: Nicolas Vaporidis, Leonardo Bocci e Ludovico Fremont

Non bastano le "strade nuove" a far tornare il sorriso sui volti di automobilisti e scooteristi romani da sempre alle prese con strade 'groviera' e slalom tra una buca e l'altra. I temporali delle ultime settimane hanno messo a dura prova molte delle arterie della Capitale e, sebbene la situazione non sia più emergenziale come qualche tempo fa, non si può dire che i crateri siano spariti. Soprattutto in periferia. 

Così le segnalazioni si moltiplicano da Spinaceto a San Basilio, passando per Tor Bella Monaca. E' qui che si concentrano le maggiori criticità, tra toppe e dissesti. Lo sanno bene residenti, fruitori di quelle zone e amministratori locali. 

La denuncia dal Tuscolano: "Prosegue emergenza buche"

"A Roma continua l’emergenza buche. I motorini cadono, pneumatici che si bucano. E i romani fanno lo slalom tra i crateri. Le segnalazioni non bastano per far agire l’amministrazione Raggi" - denuncia Luca Di Egidio, consigliere del Pd in VII Municipio che ha deciso i replicare l'iniziativa, "non partitica" - sottolinea, 'Fiori cresciuti in mezzo ai sanpietrini' con la quale nel marzo del 2018 i giovani dell'Appio Tuscolano avevano acceso i riflettori sull'emergenza buche nel loro quartiere. I crateri nell'occasione furono trasformati in fioriere. 

Fiori nelle buche di Roma: così i giovani dell'Appio Tuscolano denunciano l'emergenza

Una "provocazione mediatica" che oggi esce dai confini del Tuscolano e si trasforma trovando anche l'appoggio dei giovani, per quanto affermati, attori romani. 

Cactus nelle buche di Spinaceto, Tor Bella Monaca e San Basilio

Nelle buche di Spinaceto, Tor Bella Monaca e San Basilio sono stati piantati dei mini cactus "per segnalarle provocatoriamente all’amministrazione Raggi, ma allo stesso tempo - spiega Di Egidio - per lanciare una denuncia sullo stato di abbandono delle periferie stesse: assenza di servizi, di centri sportivi, di presidi sanitari, di aree verdi etc". 

Gli attori romani per 'Fiori cresciuti in mezzo ai sanpietrini'

Per ogni periferia un attore: Nicolas Vaporidis a Torbella, Leonardo Bocci degli Actual a Spinaceto, Ludovico Fremont a San Basilio. "Nei prossimi giorni - promettono i promotori di 'Fiori cresciuti in mezzo ai sanpietrini' - aderiranno anche altri attori e personalità". 

Ma perchè degli spinosi cactus al posto di coloratissimi fiori? "Perchè i cactus rappresentano la desolazione e l’abbandono. Perchè i cactus crescono nel deserto e le periferie romane - incalza il giovane consigliere - sono i deserti della Capitale". 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Nubifragio a Roma e provincia: disagi in città, allagata la via Appia

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 24 e domenica 25 agosto

Torna su
RomaToday è in caricamento