EurToday

Tor de' Cenci: il parcheggio sotto casa costa un occhio della testa

Rimosse e sanzionate molte auto in via Aldo Banzi, probabilmente a causa della potatura d’un pino. CdQ: “Non è stato avvisato nessuno di quest’intervento. Questo regalo ci costa 217 euro: ne avremmo fatto volentieri a meno”

Duecentodiciassette euro in meno. Inizia così la mattinata, per alcuni residenti di via Aldo Banzi, in zona Tor de’ Cenci nuovo. In verità, se possibile, la giornata è cominciata in una maniera addirittura peggiore. “Che fine ha fatto la mia auto? – si saranno domandati in molti – Eppure ero certo d’averla parcheggiata qui”… Immaginiamo le goccioline di sudore lungo la schiena, nonostante la temperatura non propriamente estiva. Ed intuiamo anche lo stato d’animo repentinamente mutato alla lettura d’un fogliettino, appeso da un altro sfortunato, eloquentemente rivolto “a tutti coloro che hanno rimosso la macchina, causa abbattimento di un pino”.

UN INTERVENTO CONSIDERATO URGENTE - Cos’è successo esattamente? “ A seguito delle continue lamentele per la pericolosità degli alberi in zona, ieri 11 dicembre verso le 15 è stato deciso di abbattere un albero.  Si è ritenuto di procedere d’urgenza, nonostante tanti altri casi segnalati nel quartiere, come quello del pino caduto e tutt’ora da rimuovere nell’adiacente parco campagna; oppure rispetto a quello le cui radici, stanno insidiando la sicurezza del garage sottostante - scrive Gabriele Basso, del CdQ Tor de’ Cenci-Spinaceto – il fatto è che, l’operazione, non è stata segnalata in alcun modo. Né con i nastri di delimitazione dell’area ove realizzare la rimozione; né con avvisi scritti e timbrati dalle autorità preposte”.

UNA BRUTTA SORPRESA - Immaginiamo quindi la sorpresa, eufemisticamente parlando, dei residenti. “La rimozione dell’auto ha comportato un esborso di 158,92 euro oltre la multa di 58,80 se pagata entro 5 giorni” ricorda Gabriele Basso – Sembra il solito sopruso ai danni dei cittadini. Sono infatti state rimosse tutte le auto a ridosso dell’albero ed anche quelle parcheggiate intorno alla rotonda”. Si fa presente che, via Aldo Banzi, è un vicolo cieco, frequentato soltanto dai suoi abitanti. “In 30 anni non si è mai visto un vigile in zona, anche perché via Banzi è sprovvista di corretta segnaletica. Da ieri, invece, è partita la sagra delle multe e la rimozione selvaggia”.

IL RICORSO COLLETTIVO -   Oltre ad auspicare un diverso rapporto tra istituzioni e cittadini, il Comitato di Quartiere fa sapere di aver attivato un ricorso collettivo. “I cittadini multati o che si sono vista l’auto rimossa, stanno intraprendendo un ricorso da presentare ai VV.UU. e una formale richiesta al Presidente del Municipio IX Andrea Santoro per risolvere l’incresciosa vicenda. Di questi regali – conclude il CdQ  - i cittadini ne fanno volentieri a meno”.  
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

Torna su
RomaToday è in caricamento