EurToday

"Hobby Flora costretto a sgomberare", la petizione per salvare il garden del Torrino

Avviata una petizione che sarà inviata alla sindaca Raggi e al Dipartimento Patrimonio del Comune

Foto petizione change.org

In poco più di 24 ore la petizione per salvare Hobby Flora Garden ha superato le 1300 adesioni: ne restano poche centinaia ancora prima di raggiungere l’obbiettivo fissato a 1500. La raccolta firme, indirizzata alla sindaca Virginia Raggi e al Dipartimento Patrimonio del Comune di Roma, servirà a salvare il “garden della chiusura”. 

Il garden del Torrino che non deve chiudere 

Nel 2020, a seguito di notifiche da parte di Roma Capitale, Hobby Flora​ sarà costretto a chiudere e a sgomberare, facendo tornare nell'abbandono un’area già in passato degradata nel Parco delle Costellazioni” denunciano gli ideatori della petizione determinati a salvare lo spazio situato all’interno del quartiere Torrino.

Nel testo che accompagna la raccolta firme, diffuso intanto sulla piattaforma Change.org, si legge anche quanto accadrà in caso di sgombero: 18 persone resteranno senza lavoro, non ci sarà un parco giochi sicuro, né un bagno pubblico. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La petizione sarà consegnata alla sindaca e al dipartimento patrimonio

Sottolineando il percorso realizzato negli ultimi 9 anni e ripercorrendo la genesi della struttura e l’utilità che rappresenta per il quartiere, gli organizzatori della petizione hanno aggiunto: “Perché l’attuale amministrazione, specialmente del IX Municipio deve avere un atteggiamento di fatto punitivo verso imprenditori, lavoratori e cittadini che hanno investito per recuperare un’area abbandonata? Hobby Flora​ e i suoi lavoratori vogliono solo concludere un percorso lavorativo e imprenditoriale-finanziario senza Welfare e fallimenti e, rientrati dell’investimento, consegnare al Comune un’area pronta e bonificata per farne l’uso opportuno”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Tragedia a Roma: trovato nella sua auto il corpo senza vita di Rocco Panetta

Torna su
RomaToday è in caricamento