EurToday

Roghi auto a Torrino e Mostacciano: "Abbiamo paura. Servono le videocamere"

I Comitati cittadini dei quartieri interessati dai recenti roghi si sono incontrati. "Vogliamo parlarne con Municipio e Forze dell'Ordine, per capire quali strade percorrere. Questi roghi fanno paura"

Foto di L. De Bortolo sul gruppo Sei di Mostacciano Se

Decine di auto bruciate nel corso di un fine settimana lasciano il segno. Non bastavano i soliti miasmi estivi, a rovinare le notti dei residenti. Al Torrino ed a Mostacciano, i residenti devono adesso fare i conti con i piromani. Nemici invisibili che agiscono col favore delle tenebre. E che colpiscono senza un'apparente sistematicità.

LE CRITICHE - Intanto i roghi che hanno coinvolto il quadrante a sud dell'Eur, hanno già avuto un altro effetto: alimentare le polemiche. "L'incendio di oltre 100 auto nell’ultimo mese sarà oggetto di un dettagliato esposto che ho chiesto al Coordinatore Romano di Forza Italia, Davide Bordoni, di inviare al Prefetto ed al Questore di Roma" fa sapere il capogruppo municipale Piero Cucunato.  "Sul tema della sicurezza – aggiunge Pietrangelo Massaro, coordinatore locale del partito – la giunta dimostra di non essere all'altezza di governare un Municipio importante come il nostro: nessuna misura è stata adottata dal m5s per prevenire e contrastare i numerosi atti di vandalismo che si sono succeduti nel nostro territorio. Confidiamo nel fatto che venga convocato al più presto un tavolo interistituzionale". Lo chiedono anche i cittadini.

IL TAVOLO INTERISTITUZIONALE - I Comitati di Quartiere di Torrino-Decima, Mostacciano e Torrino Nord, nel pomeriggio di lunedì 12 giugno si sono incontratin per affrontare la delicata questione. "Ci siamo confrontati con questo problema che, anche a giudicare dai video e dalle immagini che ci sono state mostrate, fa davvero paura – sottolinea Maurizio Sapora, presidente del CdQ –  vorremmo presto incontrare i rappresentanti municipali, insieme a quelli delle forze di polizia ed ai carabinieri. Vogliamo sapere se è possibile puntare sulla videosorveglianza. Noi siamo pronti anche ad investire delle risorse per questo obiettivo, perchè così non si può andare avanti: siamo molto preoccupati".

RIFIUTI E STERPAGLIE - Non c'è soltanto la volontà di smascherare i piromani. Tra i residenti, vi è anche chi punta a rendere il compito più difficile ai vandali, cercando d'indirizzare il lavoro dell'amministrazione e la condotta dei privati cittadini. "Ci sono aree lasciate completamente incolte vicino alle case, ma anche alle scuole ed all'ospedale IFO - fa notare Fabio Cavataio, attivista di Fratelli d'Italia - in via Vivanti hanno preso fuoco due auto - ricorda -  Ma se l'area non fosse stata sfalciata tre settimane fa dai cittadini, cosa sarebbe accaduto?". E d'altra parte non tutti i cittadini sono virtuosi. Così c'è anche chi, ad esempio, continua ad abbandonare i rifiuti tra le sterpaglie. Un atteggiamento ampiamente stigmatizzato che contribuisce a coltivare il senso di  impunità di chi lo mette in atto.  "Ma ogni tanto - si chiede un utente del gruppo Facebook sei di Mostacciano se - risciremo anche a cogliere in flagranza di reato ed a denunciare qualcuno mentre abbandona questi sacchetti in strada?". Serve un maggiore presidio del territorio. L'esigenza è diffusa. Anche a prescidendere dagli ultimi esecrabili roghi.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Incidenti stradali a Roma, giovedì di sangue: tre morti e una bimba di 10 anni in gravi condizioni

Torna su
RomaToday è in caricamento