EurToday

Autostrada Roma Latina, il governo ci ripensa: ora è un'opera strategica

Revocata la sospensione temporanea della procedura: il Ministero dei Trasporti conferma gli stanziamenti per l'avvio dell'opera, che sarà realizzata con la formula del partenariato e costerà complessivamente 2,8 miliardi

L'autostrada a pedaggio Roma Latina torna ad essere un'opera strategica. Non lo era più dallo scorso marzo, quando il Ministro Delrio aveva deciso di congelarla. Il mancato stanziamento dei fondi da parte del governo, aveva fatto pensare ad un ulteriore passo indietro. Così non è stato ed ora si procede spediti più che mai.

RIPRENDONO LE PROCEDURE - Da un comunicato diramato dall'Anas, apprendiamo che "Oggi hanno ripreso il via le procedure di gara per l’affidamento in concessione delle attività di progettazione, realizzazione e gestione del “Corridoio Intermodale Roma-Latina” e del “collegamento Cisterna-Valmontone”. La Società “Autostrade del Lazio” - società mista composta al 50% da Anas SpA e dalla Regione Lazio - ha infatti revocato la sospensione temporanea della procedura". Come viene poi chiarito " La ripresa della procedura è stata disposta dopo la conferma da parte del Ministero dei Trasporti della sussistenza delle fonti di finanziamento e dell’inserimento dell’opera nell’elenco delle infrastrutture strategiche approvato dal CIPE e considerata la rilevanza strategica dell’opera individuata dalla Regione Lazio nel Documento di Economia e Finanza Regionale".

VINCE L'ASFALTO - Per quanto riguarda il progetto complessivo, si parla di 186 km di infrastrutture. Essenzialmente si tratta di strade. Il cosiddetto "corridoio intermodale Roma Latina" ha da tempo cessato di puntare su modalità di trasporto diverse da quelle su gomma. Ci saranno invece 68,3 km di autostrada per congiungere la Capitale con il capoluogo pontino, a cui si sommano i 31,5 km della bretella Cisterna Valmontone. Anche la Bretella A12 – Tor de' Cenci rientra nel progetto. "Il costo complessivo dell’opera che verrà realizzata in partenariato pubblico-privato – si ricorda nella nota - è pari a 2,8".

LA REAZIONE DEI CITTADINI - "Ce lo aspettavamo – commenta a caldo Gualtiero Alunni, storico portavoce del Comitato No Corridoio –  è vero che il Ministro DelRio non ha mai presentato il piano di opere strategiche che era stato annunciato per settembre. Ciò nonostante qualche campanello d'allarme lo avevamo ravvisato. Ora non resta che continuare ad informare i cittadini, cosa che faremo lunedì 21 dicembre al Teatro della Dodicesima di Spinaceto. E poi decideremo il da farsi". Sul piano legale non si registrano novità. "Hanno respinto le nostre richieste di sospensiva al Tar, presentate 21 mesi fa. E lo hanno fatto lasciandoci nel limbo, perchè non ci hanno mai convocato nemmeno alla prima udienza di merito" riconosce amareggiato il cittadino. Il prossimo passo sarà l'aggiudicazione dell'opera, contesa tra due grandi realtà di costruttori. "Scommettiamo che vince Impregilo-Salini?" conclude Alunni. Non bisognerà aspettare molto per saperlo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento