EurToday

Il teleriscaldamento brucia anche i risparmi: bollette carissime e rischio sanzioni

Tanti problemi legati al sistema di teleriscaldamento in funzione 24 ore al giorno e per tutto l'anno . L'associazione Codici annuncia una diffida ad ACEA e chiede l'intervento del Comune. Nel frattempo, i residenti rischiano anche delle sanzioni

Al Torrino Mezzocammino l’inverno è particolarmente caldo. Ma anche l’estate risulta bollente. A ben vedere, la temperatura risulta elevata tutto l’anno poiché a bruciare, sono i risparmi dei residenti.  Ed è paradossale che questa situazione si verifichi a partire dalla scelta del sistema di riscaldamento utilizzato nel quartiere.

LA DISPERSIONE TERMICA - L’avvocato Laurenzano, dell’Associazione Codici, ci ha chiarito i termini della questione. “Tramite il Comitato di Quartiere, siamo stati contattati da molti residenti, che ci hanno segnalato diversi problemi. Innanzitutto c’è una quota di dispersione termica piuttosto consistente. A dispetto di una media che si aggira attorno al 15%,  a Torrino Mezzocammino per il teleriscaldamento si arriva anche a picchi dell’85%. Questo avviene perché i costruttori, non avendo rispettato il disciplinare tecnico, hanno realizzato degli impianti non adatti a sostenere il teleriscaldamento”. La dispersione delle sottocentraline però, non è imputabile ad ACEA. Ma grava sulle tasche dei residenti.

DOCCE SALATE -  C’è poi un problema piuttosto evidente. “La mancata divisione tra acqua calda sanitaria e acqua per il riscaldamento, fa sì che anche in estate, per farsi una doccia, sia necessario attivare il sistema di teleriscaldamento. E questo fa lievitare i costi delle bollette che, in alcuni casi, per effetto della dispersione termica, sono stati di 195 euro per il solo periodo estivo”.

IL RISCHIO SANZIONI - C’è poi la questione delle sanzioni. “Secondo il DPR 74/2013, per la zona di Roma è possibile accendere gli impianti di riscaldamento 12 ore al giorno, per 5 mesi all’anno. E qui si genera un problema – ci fa notare l’avvocato di Codici - perché in tutto il quartiere il teleriscaldamento è in funzione 24h al giorno, 12 mesi all’anno. Dal primo novembre però, dovrebbero essere iniziati i controlli, ed il timore è che possano arrivare sanzioni  per i proprietari di casa. Sanzioni che oscillano tra le 500 ed i 3000 euro”. Oltre al danno quindi, la beffa.

LE RICHIESTE - L’Associazione dei consumatori, si è quindi rivolta ad ACEA, ma anche al Comune ed agli amministratori condominiali. A questi ultimi suggerisce di indire assemblee  per  verificare se, all’unanimità, i proprietari vogliano ricorrere a semplici boiler per avere l’acqua calda sanitaria. All’ACEA invece è stata inoltrata una diffida, con la quale si è chiesta la “revisione della convenzione stipulata con il Consorzio Unitario Torrino Mezzocammino nel 2002”. A Roma Capitale infine, si chiede di  “ convocare le parti per trovare soluzioni ai problemi riscontrati”. Possibilmente, prima che il clima, nel quartiere, si surriscaldi troppo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento