EurToday

Vitinia, nasoni tutti chiusi: i cittadini rispondono per le rime...in romanesco

I residenti protestano per la chiusura delle fontanelle

Fontanelle chiuse. Dai nasoni di alcuni quartieri periferici del Municipio IX non esce più una stilla d'acqua. Un problema che si trascina ed al quale i residenti hanno deciso di rispondere, è proprio il caso di dirlo, per le rime. Sulle fontanelle di Vitinia sono infatti stati affissi dei manifesti in cui compaiono dei versi in romanesco.

"A chiudece fate 'n ber danno v'avvertimo/ se nun ce date retta dopo se divertimo! -  si legge sui nasoni.  - Ancora state 'n tempo a sistemà la questione, mettetece nà pezza pè sarvà 'a situazione!". La protesta in rima, non è una novità nella cultura romana. E' dal Cinquecento che, nell'allora piazza Parione, i cittadini affiggono versetti satirici sotto la statua del Pasquino. Un'abitudine che, le amministrazioni papaline dell'epoca, cercarono inutilmente di deberallare.  Di recente, la pratica di pungere anonimamente le istituzioni pubbliche, è tornata in auge. E' stata ad esempio  messa in atto con un cartello apposto sulla celebre fontana Carlotta della Garbatella. Il simbolo del quartiere ha infatti subito lo stesso destino dei nasoni di Vitinia. Una decisione che, nel Municipio VIII come nel IX, sta suscitando l'indignazione dei cittadini.

De' la Roma vera semo la storia,
messi da parte da chi c'ha poca memoria.
Davanti a noi se inchina nà marea dè gente,
er dottore, a sora, er ricco e l'ignorante.
Nun famo distinzione de razza, sesso o età,
co' l'acqua fresca e cristallina ognuno se pò dissetà.
Semo 'a musica dè sottofondo della città addormentata,
che te culla, te risona mejo dè nà serenata.
Nelle giornate afose semo n'oasi dè pace,
chi ce passa davanti de tirà dritto nun è capace.
Semo questo e tanto artro de più
semo essenziali, inutile discutece su
A chiudece fate 'n ber danno v'avvertimo,
se nun ce date retta dopo se divertimo!
I primi danni già li vedete cò l'occhi vostra,
se fate come ve pare nun è corpa nostra.
Ancora state 'n tempo a sistemà la questione,
mettetece nà pezza pè sarvà 'a situazione!
Amici romani strillate a pieni promoni:
"Avete scherzato! Ariapritece i nasoni!”

La situazione, oltre alla satira popolare, è stata affrontata anche nel merito di un'interrogazione presentata dal capogruppo di Forza Italia Piero Cucunato.  "Il piano di Acea prevedeva la chiusura dei nasoni  fino a quanto necessario – ha ricordato il Consigliere municipale – bene, oggi questa emergenza è rientrata, ma le fontanelle sono ancora chiuse o riaperte ad intermittenza. In taluni quartieri  risultano tutte aperte in altri tutte chiuse, senza che nessuno riesca a darne una spiegazione logica. E’ strano però – continua Cucunato – che i nasoni di Vitinia come quelli del Laurentino siano tutti chiusi. Evidentemente  risultano nasoni antipatici, mentre tra Mostacciano e l’Eur sono tutti aperti e funzionanti. Anche da questo – ha osservato il consigliere di Forza Italia, annunciando un'interrogazione – denoto l'incapacità di questo governo Pentastellato del  IX Municipio, che gestisce la cosa pubblica con superficialità. In tal modo – ha concluso Cucunato – si considerano alcuni quartieri di serie A ed altri di serie B".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus, 1901 casi positivi nel Lazio. A Roma trend dei contagiati in calo

Torna su
RomaToday è in caricamento