EurToday

Castel Romano, il centrodestra insorge: "Il Campo è pericoloso, ora sgombero immediato"

Le fiamme sviluppatesi nella baraccopoli istituzionale di Castel Romano ha riacceso l’attenzione dell’opposizione municipale. FdI: “Basta, i continui incendi mettono a rischio la salute dei vicini quartieri”

La baraccopoli istituzionale di Castel Romano. Foto d'archivio.

Per spegnere le fiamme che martedì 23 giugno si è sviluppato a Castel Romano, i Vigili del Fuoco hanno dovuto utilizzare anche un elicottero. Ma non è stato il primo incendio partito dalla zona dov’è presente la baraccopoli istituzionale della via Pontina.

Gli ultimi incendi

Nel perimetro della Riserva Naturale di Decima Malafede c’è infatti “uno dei più grandi campi d’Europa” hanno ricordato i consiglieri municipali di Fratelli d’Italia Maurizio Cuoci, Massimiliano De Juliis, Simone Sordini e Riccardo Graceffa. “Ha una storia incredibile di vicende di arresti, ritrovo di refurtiva e altri episodi di cronaca nera, compresi atti di aggressione e vandalismo verso gli automobilisti che transitano sulla via Pontina a cui si aggiunge il gravissimo  ripetersi di roghi tossici” hanno sottolineato i quattro consiglieri.

Un campo nella Riserva naturale

Intorno al campo c’è un imponente distesa di rifiuti tra cui spiccano anche delle carcasse d’auto, visibili già dalla via Pontina. Uno scenario paradossale per una riserva naturale per la cui gestione e valorizzazione il consiglio regionale, dopo 17 anni d’attesa, sta per votare uno specifico piano d’assetto. Lo strumento dovrà, necessariamente, tenere in considerazione anche questa baraccopoli istituzionale, sorta durante l’amministrazione del sindaco Veltroni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La richiesta di sgombero

La massiva presenza dei rifiuti, tutto intorno al campo, non facilita il contenimento degli incendi. Le fiamme e la diossina che sprigionano “espongono a grave rischio tutti gli abitanti delle zone vicine come Trigoria, Tor de Cenci o Pomezia” hanno sottolineato i consiglieri di Fratelli d’Italia che sono tornati a chiederne la chiusura. “Io già nel 2018 ho presentato una mozione a firma del gruppo di Fratelli d'Italia con cui proponevo di lavorare per una chiusura progressiva del Campo Rom. Eppure – ha segnalato il consigliere Massimiliano De Juliis – non  è mai stata calendarizzata in consiglio municipale”. A questo punto la proposta è stata superata dagli eventi. La richiesta del centrodestra, adesso, è decisamente più perentoria. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

  • Meteo Roma e Lazio, allerta maltempo da oggi e per le prossime 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento