EurToday

Torri dell'Eur, al via la commercializzazione degli uffici: ospiteranno 3100 postazioni

Cassa Depositi e Prestiti ha individuato l'azienda che si occuperà di affittare i 63mila metri quadrati la cui riqualificazione è già partita

Il rendering del progetto di riqualificazione delle Torri dell'Eur

I lavori per trasformare quella che i residenti chiamano la Beirut dell’Eur, in un complesso urbanistico all’avanguardia, sono partiti nell’autunno del 2020. Ora, Cassa Depositi e Prestiti che ne detiene la proprietà, ha compiuto un ulteriore step.

La commercializzazione degli spazi

E' infatti stata infatt individuato l’azienda che dovrà garantire i risultati attesi dall’ambizioso progetto di riqualificazione urbanistica. E’ la JLL, azienda leader nei servizi professionali per il settore immobiliare,  la società che ha ricevuto il mandato, in esclusiva, per la locazione degli uffici. All’interno del complesso urbanistico costituito dalle tre torri e da altri due edifici, troveranno spazio 3100 postazioni lavorative che saranno dotate di prestigiose certificazioni internazionali (LEED e Well Gold).

I nuovi spazi

L’intervento di riqualificazione, il cui avvio era stato annunciato nell’ottobre del 2019, andrà ad interessare una superficie commerciale lorda che si aggira sui 63mila metri quadrati. A questo, poi, si devono aggiungere i 256 posti auto interrati ed i 180 stalli riservati alle moto che renderanno i futuri uffici ancor più appetibili sul piano commerciale. Il posizionamento, a ridosso della fermata metropopolitana Eur Fermi, ed a pochi metri dal Convention Center La Nuvola e dall'albergo La Lama, continbuiranno ad incrementare l'appel del nuovo asset di Cassa Depositi e Prestiti.
 
“Siamo felici e onorati del mandato che CDPI ci ha dato per la commercializzazione delle Torri dell’EUR, un importante progetto di riqualificazione che garantirà i più elevati standard di qualità per quelle realtà corporate alla ricerca di soluzioni avanzate in zone collegate e facilmente raggiungibili.” ha commentato Pierre Marin, CEO di JLL Italia.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'avvio dei cantieri e la storia del contenzioso

Una rigenerazione concreta

Il mandato appena ufficializzato, rappresenta un passaggio necessario nell'ottica del rilancio delle ex Torri di Ligini. Il progetto di riqualificazione, le cui radici affondano nel 2002, si era per anni arenato. Terminato il contenzioso, nell'autunno del 2019, è stata annunciata la fumata bianca. Oggi, il complesso, è interessato da  un progetto che, l'Amministratore Delegato di CDP Immobiliare, ha definito “finalmente concreto”. E che, ha spiegato sempre l’AD, andrà a “rigenerare in profondità il tessuto urbanistico e le attività produttive della Capitale, ponendosi all’attenzione del panorama internazionale”.


 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento