EurToday

HobbyFlora, i sigilli al vivaio preoccupano i residenti: “Siano mantenuti i posti di lavoro”

I Comitati di quartiere hanno promosso un’assemblea per affrontare la spinosa questione. Pino (CdQ Decima Torrino): “Preoccupa anche la destinazione futura di quello spazio”

I Comitati di Quartiere nei locali di Hobbyflora

Sui cancelli di Hobbyflora sono arrivati i temuti sigilli. Non è la prima volta ma rischia di essere l’ultima, per il vivaio che da quasi dieci anni opera in via di Decima. La cessazione dell’attività mette a repentaglio diciotto posti di lavoro. E come i residenti hanno in più occasioni dimostrato, priva il territorio di un importante servizio.

I comitati sul piede di guerra

La complicata vicenda, è stata affrontata anche in occasione di un’assemblea pubblica, convocata per la giornata di sabato 18 gennaio, dai comitati di quartiere di Torrino Decima, Torrino Nord, Castellaccio e Mostacciano. “Ci preoccupa prioritariamente il futuro delle persone che sono impiegate all’interno del vivaio” ha raccontato a margine dell’appuntamento Genesio Pino, il presidente del CdQ di Decima e Torrino.

Il futuro dell'area

Nella gremita sala del vivaio, sono intervenuti anche tanti cittadini. E’ stata l’ennesima dimostrazione dell’attaccamento, da parte del territorio, all’azienda florovivaistica. Ma anche per i locali che, l’azienda florovivaistica, ha realizzato negli 8500metri quadrati a disposizione. “Quella era un’area degradata ed ora ospita dei servizi importanti, come la sala dove abbiamo fatto l’assemblea – ha ricordato Genesio Pino – il nostro territorio ha pochissimi spazi a cui è riservata questa funzione, di conseguenza siamo preoccupati anche per la loro destinazione”.

Un errore del Campidoglio

Hobbyflora non chiude i battenti per ragioni economiche. Il provvedimento è infatti maturato perché, il sito, non era autorizzato a svolgere attività commerciale. La concessione dell'area, che il Comune di Roma aveva rilasciato all'azienda nel 2010, non poteva essere accordata. "L'errore è stato di Roma Capitale" ha recentemente ribadito a Romatoday la famiglia Sorichetta, titolare dell'attività. Le conseguenzee, oltre agli imprenditori, rischiano ora di pagarle anche i lavoratori ed i residenti.

La risposta del Municipio

All’appuntamento con i comitati di quartiere si sono presentati anche consiglieri municipali del Movimento cinque stelle. “Condividiamo le preoccupazioni dei cittadini. Anche noi abbiamo a cuore i posti di lavoro della famiglie che lavorano nel vivaio, ed al tempo stesso temiamo che, un’eventuale chiusura, possa degradare la struttura– ha dichiarato il presidente del Municipio IX Dario D’Innocenti – per questo sto verificando, con il Campidoglio, se c’è la possibilità di accettare la loro proposta di mettere a bando quell’area per svolgervi attività che, però, siano coerenti con il piano regolatore”.

 

Articolo aggiornato alle ore 17:55 del 19 gennaio

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 9 nuovi contagi: sono quindi 3554 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento